Pablo

Pablo

Pablo probabilmente e’ stato l’unico vero poeta che io abbia avuto la fortuna e la sfiga di conoscere.

Comincio’ ad avvicinarsi alla mia vita tramite i racconti degli altri. Beppe mi aveva gia’ parlato di questo gruppo di ragazzini di Vestone che, a suo dire, erano fantastici. Un giorno in macchina mi fece sentire il loro primo demo, che era registrato in sala prove con un radiolone. Era molto grezzo e non tutti i brani erano dello stesso livello, ma alcuni erano davvero grandiosi. Testi e melodie, persino gli arrangiamenti. C’era dentro una maturita’ artistica difficile da concepire in un gruppo di ragazzini meno che ventenni, e c’era una poesia semplice e diretta che mi incantava almeno quanto iniziava ad incuriosirmi la testa nella quale questa poesia si formava.

(altro…)